La Sirenetta: da cartone animato a film

Come Cenerentola, Biancaneve e altre fiabe prima di lei, anche la Sirenetta avrà il suo adattamento cinematografico: da cartone animato diventerà film.

Kelly Marcel, autrice dello script di “50 sfumature di grigio“, si occuperà di scrivere la sceneggiatura de la nuova Sirenetta e la regia sarà affidata a Joe Wright.  Joe Wright è un regista inglese che ha diretto “Orgoglio e pregiudizio”, “Espiazione” e “Anna Karenina”.

Il cartone animato Disney de La Sirenetta (The Little Mermaid) è del 1989 ma Wright e Marcel non vogliono raccontare la versione Disney della fiaba. I due vogliono rifarsi a un adattamento per il teatro di marionette messo in scena dal Little Angel Theatre di Londra, fondato dal padre del regista, e basato sulla classica storia di Hans Christian Anderson.

Colonna sonora: le canzoni del cartone animato La Sirenetta

Alan Menken scrisse le musiche vincitrici del Premio Oscar e collaborò con Howard Ashman sulle canzoni.

  1. La canzone dei marinai – Coro – 1:41
  2. Tema conduttore – Alan Menken – 1:26
  3. Fanfara – Alan Menken – 0:30
  4. Le figlie di Tritone – Coro – 0:40
  5. La sirenetta – Simona Patitucci – 3:15
  6. In fondo al mar – Ronny Grant – 3:15
  7. La sirenetta (reprise) – Simona Patitucci – 2:17
  8. La canzone di Ursula – Sonia Scotti e Simona Patitucci – 4:51
  9. Les poissons – Vittorio Amandola – 1:35
  10. Baciala – Ronny Grant – 2:43
  11. Fuochi d’artificio – Alan Menken – 0:38
  12. Il ballo dei marinai – Alan Menken – 1:34
  13. La tempesta – Alan Menken – 3:20
  14. La distruzione della grotta – Alan Menken – 1:54
  15. Flotsam e Jetsam – Alan Menken – 1:25
  16. In giro per il regno – Alan Menken – 1:27
  17. È ora di coricarsi – Alan Menken – 1:22
  18. L’annuncio del matrimonio – Alan Menken – 2:18
  19. La riscossa di Eric – Alan Menken – 3:43
  20. Gran finale – Alan Menken – 3:11

Ci sono importanti differenze già tra il cartone animato e la fiaba originale de La Sirenetta di Hans Christian Andersen.

Nella fiaba originale, molto più cruenta del cartoon la Sirenetta pattuisce con la Strega del Mare che non rimarrà umana per tre giorni, ma per un anno, e non perde solo la voce, ma tutta la lingua.

Quando si riferisce al camminare, inoltre, la Sirenetta lo racconta come qualcosa di doloroso come come essere trapassata da coltelli.

Il patto tra la Sirenetta e la Strega del Mare prevede che se il principe s’innamorerà di lei e la sposerà, la Sirenetta otterrà un’anima; mentre se sposerà un’altra donna, la Sirenetta non potrà più tornare alla sua condizione originale e al sorgere del sole del giorno dopo le nozze la Sirenetta morirà di crepacuore trasformandosi in spuma di mare.

La Sirenetta beve la pozione e incontra il principe, ma lui non si innamora di leil anzi, andando in un altro regno il principe vuole cercare una moglie. Qui incontra la ragazza che ha incontrato sulla spiaggia subito dopo il naufragio (che non è la Sirenetta, come nel cartone animato), se ne innamora e annuncia le proprie nozze.

Il giorno del matrimonio del principe, le sorelle maggiori della Sirenetta, dopo aver rinunciato ai loro capelli,donano alla sorella un pugnale per uccidere il principe. Il sangue di lui versato sulle gambe della ragazza l’avrebbero fatta tornare sirena.

La Sirenetta non se la sente di uccidere il principe, si getta in acqua pensando di diventare spuma di mare ma vista la sua generosità le fate dell’aria la salvano e la fanno diventare una di loro dicendole che se continua a fare del bene forse riceverà un’anima immortale.